[CORSI ED EVENTI: PNL META E PNL APPS]_$type=ticker$cat=0$show=home$cls=4$c=20$sr=recent

[COACHING E COUNSELING]_$type=grid$sn=0$rm=0$c=5$cat=0$sr=random$mt=0$show=home

Parlare in pubblico - Guida pratica

CONDIVIDI:

Guida pratica: come superare le difficoltà del parlare in pubblico


Saper parlare in pubblico è una capacità che può risultare davvero molto utile, soprattutto in campo professionale. Può servire per presentare un proprio progetto, per intervenire in una riunione in modo efficace e, in genere, per far valere i propri punti di vista di fronte a più interlocutori.  

Chiunque può imparare a parlare in pubblico, a patto di impegnarsi in un percorso di self-coaching e di miglioramento continuo.  




Per sviluppare questa capacità è necessario impegnarsi in due direzioni:

  1. la prima riguarda la strutturazione e la pianificazione della presentazione cioè: COSA dirò e con quale ordine
  2. la seconda è relativa alla modalità con la quale saranno esposti i contenuti della presentazione cioè: COME utilizzerò il mio stile personale, quale sarà lo stato interno più efficace. Tratteremo anche il senso di disagio, paura (o addirittura di panico) che alcune persone provano in situazioni del genere, esposti allo sguardo critico dei presenti. Questo disagio è dovuto, in gran parte, al fatto che parlare in pubblico, per molti, può essere un’attività per niente familiare.
Se pensiamo ad un bellissimo discorso pronunciato con voce monotona, con postura e gestualità iper-controllate, ci rendiamo subito conto che il COME comunicare in pubblico è la parte più importante.

Infatti, nel caso ipotizzato, il rischio è che l’uditorio penserà ai fatti suoi nella maggior parte del tempo. Il COME è importante perché veicola gli "aspetti emotivi" e "le istruzioni per l'uso" di ciò che viene detto e perciò non può essere separato dal COSA.

A questo proposito viene spesso citato l’esito delle ricerche di Albert Mehrabian, secondo cui la comunicazione verbale veicolerebbe solo il 7% del totale della comunicazione, il linguaggio del corpo (non verbale) influirebbe nei confronti dell’interlocutore per il 55%, la voce (paraverbale) per il 38%. A dire la verità, queste ricerche sono state spesso fraintese e utilizzate in modo improprio, tanto che lo stesso Autore precisò:

"Vi prego di notare che questa e altre equazioni riguardanti l'importanza dei messaggi verbali e non verbali sono state ricavate da esperimenti che si occupano della comunicazione di sentimenti e atteggiamenti (ad esempio, simpatia-antipatia). A meno che un comunicatore non stia parlando dei suoi sentimenti e atteggiamenti, queste equazioni non sono applicabili".

Esagerazioni e fraintendimenti a parte, è  vero, però, che non esiste un “cosa dico” separato da un “come lo dico”.
Infatti se il COSA rappresenta il Logos vale a dire la logica, il ragionamento, il COME veicola l'ethos, inteso come credibilità di chi parla, ed il pathos, inteso come delle passioni.






Strutturazione e pianificazione della presentazione: il “cosa dico”

Le fasi operative di una presentazione in pubblico sono:
dove, secondo Cicerone:  "l’inizio del discorso introduce l’argomento, la parte centrale lo sviluppa, la fine lo riassume".  Ma, prima di queste tre fasi, occorre prepararsi al meglio, soprattutto se non si è molto esperti nel parlare in pubblico. 

Nella fase di preparazione occorre tenere conto dei principali fattori che influenzano una presentazione in pubblico, che sono:

La progettazione della presentazione è in funzione di questi cinque fattori: la variazione di uno di essi determinerà una modifica dell’intero progetto.  

Le domande da porsi nel preparare una presentazione in pubblico sono quindi:
  • Qual è il mio ruolo il questo contesto?
  • Qual è l'argomento?
  • Qual è la finalità di questa presentazione in questo contesto?
  • A chi mi rivolgo?
  • Quanto tempo dura l'esposizione?
  • Quali sono i mezzi tecnici di cui dispongo?
Rispondendo a queste domande avremo abbozzato una prima traccia di ciò che andremo a dire. In questa fase sarà bene occuparsi della comprensibilità del contenuto, seguendo queste indicazioni:


  • La semplicità si ottiene utilizzando frasi brevi e parole conosciute (spiegando gli eventuali termini tecnici)
  • La chiarezza e la consequenzialità permettono a chi ci ascolta di orientarsi con sicurezza all'interno delle argomentazioni che stiamo sostenendo. I passaggi più importanti devono essere evidenziati, i collegamenti più complessi chiariti.
  • La sintesi permette di fornire le informazioni utili alla comprensione usando il minimo di parole e aderendo al tema trattato senza confusione.
  • Aggiungere stimoli significa utilizzare un linguaggio concreto, vicino all'esperienza di vita degli ascoltatori; utilizzare analogie, esempi e metafore; favorire un’interazione con l’uditorio, per mezzo di domande. 
La semplicità, la chiarezza e la sintesi soddisfano il bisogno di sicurezza di chi ascolta, mentre gli stimoli soddisfano il bisogno di coinvolgimento e partecipazione di chi ascolta.

La preparazione dà sicurezza anche allo speaker. Uno dei modi per controllare la qualità di ciò che ci prepariamo a dire ad un pubblico è provare utilizzando un registratore, oppure, ancora meglio, una telecamera.

Ascoltare la nostra voce registrata o rivedere la nostra performance su uno schermo ci aiuterà a renderci conto dei difetti che emergono dalla presentazione. Gradualmente, in prove successive, potremo correggerli fino a quando non saremo soddisfatti.

Il lavoro di preparazione genera una traccia scritta di ciò che andremo a dire, che non sarà proprio il caso di mettersi a leggere, se non vogliamo annoiare a morte. Però portarsi in tasca una traccia scritta è sempre una sicurezza. A tutti i principianti è raccomandabile questa buona abitudine. E’ un po’ come la rete per i trapezisti del circo, nessun trapezista diventerebbe mai esperto se non usasse la rete quando è un principiante.

Stile personale e gestione degli stati interni: il “come lo dico”

Per parlare in pubblico non occorre sviluppare nuovi aspetti della nostra personalità, ma solo rimuovere gli ostacoli che ci rendono poco naturali (Dale Carnegie)
Il “come lo dico” comprende molti diversi aspetti: il contatto oculare, la prossemica (cioè la gestione degli spazi), la gestualità, la postura… Ognuno di questi aspetti ci verrebbe naturale (come sostiene Dale Carnegie nella citazione) se la nostra mente e il nostro dialogo interno non intervenissero cercando di controllare e di correggere.

A tutti sarà capitato di conoscere qualcuno bravissimo a parlare in pubblico, sempre a proprio agio nelle varie situazioni. Indubbiamente lo “stile personale” di un oratore di questo genere rimane impresso, e la tentazione è quella di imitarlo, di assomigliargli.

Ma ciò che rende attraente uno stile non sono le caratteristiche dello stile in se stesse, ma il fatto che questo stile sia un’espressione autentica della persona che lo interpreta. Se cercherete di adottare uno stile che non è il vostro perché ritenete di doverlo fare, il vostro modo di presentare in pubblico risulterà poco attraente.

L’efficacia in campo comunicativo non è quindi legata ad uno stile particolare, non c’è uno stile migliore di un altro. Il nostro stile personale è legato a chi siamo noi e alla nostra storia, ci caratterizza, ci rende “riconoscibili”.

Ciò che c’è da fare riguardo al nostro stile non è cambiarlo, nel tentativo di farlo assomigliare a quello di qualcuno che ammiriamo, ma renderlo “più visibile”: se cerchiamo di nascondere qualcosa di noi che non ci piace, ci stiamo creando un ostacolo. Più cerchiamo di nascondere qualcosa, più questo tentativo diventa evidente alle persone in relazione con noi.

Rendere visibile il proprio stile vuol dire “essere allineati” con esso, e questo ha a che fare con l’idea che in ogni persona esiste una linea direttrice esistenziale del tutto personale, che dà alla propria vita una direzione, un senso e un certo “tema”, e che il procedere armonioso lungo questa linea produce esperienze di “allineamento”.
“Ciascun individuo ha ricevuto nelle proprie mani un meraviglioso potere nel bene o nel male: la muta, inconscia, invisibile influenza della sua vita. Essa è semplicemente l’irradiazione costante di quello che l’uomo è realmente, non di quello che pretende di essere” (W. G. Jordan)
Bisogna quindi usare al meglio "ciò che c'è", e trasformare i propri limiti in punti di forza. In che modo? In che modo una persona timida, ad esempio, potrebbe trasformare i suoi limiti in punti di forza?

Se una persona è timida non si trova a suo agio quando tutta l’attenzione è centrata su di lui. Questo potrebbe motivarlo a dare ampio spazio al suo uditorio, in modo che l’attenzione del gruppo non sia sempre focalizzata su di sé ma suddivisa su molti dei partecipanti. Il risultato sarebbe, in questo caso, un ottimo parlatore in pubblico, particolarmente portato a valorizzare i contributi di tutti.

Alcune indicazioni per gestire l'ansia, le paure e per guadagnare naturalezza:

  • esercizio delle "peggiori fantasie": esercitarsi la settimana precedente la presentazione che ci preoccupa, per cinque minuti al giorno, nel pensare deliberatamente ad un esito catastrofico della nostra presentazione. E' importante che l'esercizio duri, ogni giorno, i cinque minuti interi. Presupposto di questo esercizio è che evitare i pericoli genera paura, mentre i pericoli guardati in faccia generano coraggio.
  • Pubblicizzare ciò che si vorrebbe nascondere. L'ansia prima delle presentazioni in pubblico non è niente di particolarmente negativo: ha conseguenze negative il pensare di dovere nascondere quest'ansia. Per cui, al momento di iniziare il proprio intervento, valutare la propria ansia su una scala da 1 a 10. Se l'ansia è superiore a 5, la prima frase della presentazione farà riferimento alla nostra emozione, scusandoci preventivamente per eventuali errori.

Tutti noi abbiamo il potere di decidere di vivere una grande vita, o ancora più semplicemente, di non vivere solo una bella giornata, ma una grande giornata. Non importa per quanto tempo abbiamo camminato sul sentiero verso la mediocrità, possiamo sempre decidere di cambiarlo. Sempre. Non è mai troppo tardi. Possiamo trovare la nostra voce (Stephen Covey)

COMMENTI

BLOGGER: 2
Loading...
.

COACHING E COUNSELING: A COSA SERVONO?$hide=page

Coaching e Counseling non sono una terapia: non servono per "curarsi", ma per imparare nuovi modi di relazionarsi con gli ostacoli che si incontrano. Aiutiamo le persone a:


  • utilizzare le proprie potenzialità
  • aumentare l'autostima e la fiducia in se stessi
  • gestire stress ed emozioni
  • superare conflitti interiori e prendere decisioni
  • gestire i conflitti interpersonali
  • aumentare il benessere personale
  • ritrovare un senso nella vita e nel lavoro
  • superare momenti difficili
  • migliorare le relazioni interpersonali
  • migliorare le performance professionali
  • aumentare la produttività
  • scoprire un nuovo modo di vedere se stessi e le altre persone
  • proseguire il percorso di evoluzione e crescita nella propria vita personale o professionale

CERCA SUL BLOG

Nome

ACT e Mindfulness,13,coaching e crescita professionale,22,counseling e crescita personale,27,eventi e news,23,PNL,23,PNL Apps,13,PNL Meta,14,problem solving e obiettivi,18,
ltr
item
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna : Parlare in pubblico - Guida pratica
Parlare in pubblico - Guida pratica
Guida pratica: come superare le difficoltà del parlare in pubblico
https://4.bp.blogspot.com/-9Gwkx8YTT2Q/Vei2xf2ojzI/AAAAAAAAEL4/9o9t9x_HDUU/s400/parlare%2Bin%2Bpubblico%2B2.jpg
https://4.bp.blogspot.com/-9Gwkx8YTT2Q/Vei2xf2ojzI/AAAAAAAAEL4/9o9t9x_HDUU/s72-c/parlare%2Bin%2Bpubblico%2B2.jpg
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna
http://www.pragmatica-mente.com/2015/09/parlare-in-pubblico.html
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/2015/09/parlare-in-pubblico.html
true
6354308452151375362
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts VIEW ALL Leggi di più Rispondi Cancella la risposta Delete By Home PAGES POSTS View All POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: ARGOMENTI ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Non trovato nessun post Torna alla Home Domenica Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic proprio ora 1 minuto fa $$1$$ minutes ago 1 ora fa $$1$$ hours ago Ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di 5 settimane fa Followers Follow THIS CONTENT IS PREMIUM Please share to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy