[CORSI ED EVENTI: PNL META E PNL APPS]_$type=ticker$cat=0$show=home$cls=4$c=20$sr=recent

[COACHING E COUNSELING]_$type=grid$sn=0$rm=0$c=5$cat=0$sr=random$mt=0$show=home

Il desiderio di credere a cose strane

CONDIVIDI:

Il bisogno di spiegarsi il mondo in cui viviamo spinge talvolta ad adottare sistemi di credenze assurde.

Il mondo è bello perché è vario: e vari sono i modi con cui ce lo rappresentiamo. Ci sono persone convinte di cose stranissime, il web ne è pieno.

La PNL sostiene che La mappa non è il territorio.

Ognuno di noi si crea una rappresentazione della realtà, che è in relazione con la realtà come una mappa è in relazione con il territorio che rappresenta. Quanto al grado di verità, le mappe si equivalgono: nessuna è più vera di un’altra, si tratta di rappresentazioni più o meno “a fuoco”, più o meno precise.

Le cose stanno diversamente riguardo alle conseguenze pratiche di aderire ad una visione del mondo o ad un’altra. La mappa del mondo di Adolf Hitler, ad esempio, lo ha portato a mettere in atto comportamenti che si sono rivelati estremamente dannosi, per lui e per gli altri.

La nostra mappa ci aiuta a spiegarci quello che ci circonda, comprese contraddizioni, stranezze e misteri. Il bisogno di spiegarsi il mondo in cui viviamo spinge talvolta ad adottare sistemi di credenze assurde.

La stranezza di certe visioni delle cose non impedisce loro di essere, comunque, credute fermamente.

Pensiamo, ad esempio, al suicidio di massa di Jonestown (Guyana) nel 1978. In quell’occasione diverse centinaia di persone obbedirono alle indicazioni del loro capo carismatico, il reverendo Jim Jones, che vide nel suicidio in contemporanea dei membri della sua setta non si sa cosa di positivo e di salvifico.


Fece distribuire molte razioni di una bevanda avvelenata e convinse i presenti ad uccidersi. Forse il reverendo era disturbato da un punto di vista psichico, e alcuni dei suoi seguaci furono “aiutati” a suicidarsi dai membri più convinti.

Comunque molti (e non tutti pazzi) compirono quel gesto con grande convinzione anche se, verosimilmente, non riuscirono a capirne il senso.
Che cosa li convinse a fare qualcosa che non capivano e a cui, da soli, non avrebbero mai neppure pensato?
Una volta giunti a una soluzione per il successo della quale abbiamo pagato un prezzo piuttosto caro in termini di angoscia e aspettative, investiamo così tanto in questa soluzione che preferiremmo deformare la realtà per adattarla alla nostra soluzione piuttosto che sacrificare la soluzione a favore di quanto non può essere ragionevolmente ignorato (Paul Watzlawich, La realtà della realtà)
In pratica, teniamo molto a tenerci stretto quanto abbiamo imparato e ci è costato fatica, anche quando l’evidenza dei fatti ci suggerirebbe di lasciarlo. Questo concetto è stato approfondito da Leon Festinger con la teoria della dissonanza cogntiva. Una bella metafora di questo atteggiamento è la seguente:
Da qualche parte nei tropici le scimmie vengono catturate in questo modo: si lega strettamente al suolo una calabaza (zucca oblunga svuotata e lavorata in modo da servire come boccale) e vi si mette dentro un frutto di cui le scimmie sono particolarmente golose. L'apertura della calabaza è larga esattamente quanto basta perché la scimmia possa raggiungerne l'interno. Ma quando ha preso il frutto, non può più ritirare attraverso l'apertura la sua mano con il frutto. Per essere di nuovo libera basterebbe che lasciasse andare l'esca e tirasse fuori la mano; ma la sua avidità non glielo permette. Così diventa prigioniera di se stessa perché, mentre lei è incapace di lasciare il bottino e di scappare, arrivano i cacciatori e le gettano sopra una rete. (Paul Watzlawick, Il linguaggio del cambiamento)







La realtà della realtà. Confusione, disinformazione, comunicazione












Il linguaggio del cambiamento. Elementi di comunicazione terapeutica













Teoria della dissonanza cognitiva







Nel post Pensiamo con la nostra testa? avevamo riportato la seguente osservazione:



In effetti le spiegazioni strane, soprannaturali e comunque inusuali hanno un fascino particolare. Se incontriamo un conoscente poco dopo aver pensato a lui, è più bello pensare alla chiaroveggenza che ad un semplice caso.  Le persone si ricordano più facilmente  delle coincidenze che si avverano, dimenticando tutte le volte che abbiamo pensato a qualcuno senza incontrarlo subito dopo.

A volte si sentono persone che credono a rimedi bizzarri, senza nessun valore scientifico, e lo giustificano dicendo: "Sarà, ma una volta avevo una forte influenza, ho preso X e mi è passata. Con me funziona".
Occorre ricordare che la maggior parte delle malattie tendono alla remissione spontanea, e magari non c'è nessun legame tra l'aver preso X e la remissione della malattia: non sempre la sucessione temporale implica una relazione di causa-effetto. Ma se io mi sono convinto, X avrà per me un effetto placebo (profezia che si autoavvera).


Il pensiero magico è suggestivo anche perchè  fa balenare i risultati desiderati a portata di mano, senza difficoltà, liberando dalla fatica e dall'impegno.

Perdere peso richiede impegno: occorre osservare una dieta, fare attività fisica... meglio credere a chi vende quella pillola che promette di farmi perdere peso senza fatica.
Risolvere i propri impegni sentimentali e relazionali richiede impegno e la disponibilità a mettersi in discussione e a soffrire: meglio farsi togliere il malocchio, che costa solo un esborso monetario.
In questo modo si spiegano i successi commerciali di Wanna Marchi e simili: basta pagare, e a tutto il resto ci pensa lei.

Sono un grosso stimolo all’invenzione anche i fatti che non si riescono a spiegare: di fronte a questi, c'è sempre qualcuno che sostiene di sapere con certezza cosa e come è successo. E il loro messaggio è: "diventa mio seguace, mio fan, mio follower, e ti rivelerò segreti che la maggior parte delle persone non conosce, e non sospetta nemmeno lontanamente. Non solo: ti metterò in condizione di non essere succube di questi complotti. Conoscendoli potrai fornteggiarli e farai parte di una élite di sapienti in grado di resistere alla manipolazione e al controllo mentale".

Un esperimento condotto nel 1954 dallo psicologo Leon Festinger evidenzia l’attaccamento alle teorie più strampalate: Festinger si era unito ad una setta di Chicago, creata da Dorothy Martin, che affermava di comunicare con gli alieni.

Gli alieni avevano comunicato a Dorothy Martin che la notte del 21 dicembre di quell’anno  il mondo sarebbe finito, ma  i seguaci della setta sarebbero stati salvati e trasportati su astronavi aliene verso un mondo migliore. I seguaci  ci credevano fermamente, tanto che molti vendettero le loro proprietà e si licenziarono, aspettando tutti insieme l’arrivo delle astronavi che, ovviamente, non avvenne.

Festinger era lì con loro, con l’intenzione di studiare le reazioni di un individuo o di un gruppo a cui viene dimostrato, con prove concrete, che ciò in cui crede è falso.

Dopo un iniziale smarrimento, arrivò qualcuno con un messaggio dagli alieni. Il mondo era stato salvato grazie alla forza spirituale del gruppo.

Ci sarebbe stato da aspettarsi che, verificata l'inconsistenza delle presunte comunicazioni degli alieni, i seguaci potessero ricredersi. Ma prendere semplicemente atto di ciò che era successo sarebbe costato loro molto caro: avrebbero dovuto ammettere davanti a se stessi che per anni avevano dato credito a favole, avrebbero dovuto dare ragione ad amici e parenti quando sostenevano che gli alieni non c'erano, e che comunque non erano in contatto con la loro leader...

Piuttosto che ammettere tutto questo e quanto erano stati creduloni, hanno preferito alzare la posta e dare credito all'ennesimo messaggio, secondo cui avevano salvato il mondo.

Da quel momento in poi, i membri della setta, che inizialmente non facevano proselitismo, si lanciarono in una frenetica attività di reclutamento di nuovi adepti, rafforzati nel loro credo, a dispetto  delle prove contrarie.

Cosa possiamo imparare da tutto questo? 

  • In primo luogo a diffidare dei culti esotici e strani, dei segreti rivelati, a chi sostiene di rivelare "quello che nessuno vi dirà". A esercitare il pensiero critico.
  • In secondo luogo a mettere in discussione le premesse da cui partiamo, le nostre convinzioni più profonde.
  • Inoltre, è importante essere consapevoli che la sucessione temporale fra due eventi non significa che il primo evento causi il secondo. Possono essere correlati, ma anche non esserlo.




COMMENTI

BLOGGER
.

COACHING E COUNSELING: A COSA SERVONO?$hide=page

Counseling e Coaching non sono Psicoterapia: non servono per "curarsi", ma per imparare nuovi modi di relazionarsi con gli ostacoli che si incontrano. Aiutiamo le persone a:

  • formulare e raggiungere obiettivi
  • aumentare l'autostima e la fiducia in se stessi
  • gestire stress ed emozioni
  • superare conflitti interiori e prendere decisioni
  • gestire i conflitti interpersonali
  • aumentare il benessere personale
  • ritrovare un senso nella vita e nel lavoro
  • superare momenti difficili
  • migliorare le relazioni interpersonali
  • migliorare le performance professionali
  • aumentare la produttività
  • proseguire il percorso di evoluzione e crescita nella propria vita personale o professionale

CERCA SUL BLOG

Nome

ACT e Mindfulness,13,coaching e crescita professionale,24,counseling e crescita personale,29,eventi e news,24,PNL,23,PNL Apps,13,PNL Meta,15,problem solving e obiettivi,19,
ltr
item
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna : Il desiderio di credere a cose strane
Il desiderio di credere a cose strane
Il bisogno di spiegarsi il mondo in cui viviamo spinge talvolta ad adottare sistemi di credenze assurde.
https://lh3.googleusercontent.com/-QurNuZAiaNk/WPoTgF--O8I/AAAAAAAATeM/UdClOvc1gmw/true-false1_thumb%25255B6%25255D.jpg?imgmax=800
https://lh3.googleusercontent.com/-QurNuZAiaNk/WPoTgF--O8I/AAAAAAAATeM/UdClOvc1gmw/s72-c/true-false1_thumb%25255B6%25255D.jpg?imgmax=800
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna
http://www.pragmatica-mente.com/2017/04/credere-cose-strane.html
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/2017/04/credere-cose-strane.html
true
6354308452151375362
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts TUTTI I POST Leggi di più Rispondi Cancella la risposta Delete By Home PAGES POSTS Tutti i Post POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: ARGOMENTI ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Non trovato nessun post Torna alla Home Domenica Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic proprio ora 1 minuto fa $$1$$ minutes ago 1 ora fa $$1$$ hours ago Ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di 5 settimane fa Followers Follow THIS CONTENT IS PREMIUM Please share to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy