[COACHING E COUNSELING]_$type=grid$sn=0$rm=0$c=5$cat=0$sr=random$mt=0$show=home

[CORSI ED EVENTI: PNL META E PNL APPS]_$type=ticker$cat=0$show=home$cls=4$c=20$sr=recent

Come gestire il dolore fisico

CONDIVIDI:

La pratica della mindfulness si è dimostrata efficace nel gestire i casi di dolore cronico.


dolore fisico

Il dolore fisico ha  una funzione fondamentale nella sopravvivenza dell'individuo e della specie, e si compone di due elementi:
  • il dolore propriamente detto
  • lo stato psichico collegato alla percezione di una sensazione spiacevole
La combinazione di questi due fattori, soprattutto nel caso di dolori cronici, a volte, ha conseguenze negative su molti altri aspetti importanti della vita:
  • sulle attività di tutti i giorni, come i lavori domestici o le occupazioni familiari e ricreative, 
  • sullo studio,
  • sulla capacità lavorativa, 
  • sulla qualità del sonno,
  • sui rapporti familiari e sociali,
La pratica della mindfulness si è dimostrata utile nei casi di dolore cronico. Si può applicare in tre fasi:
  1. Innanzitutto occorre analizzare con attenzione le sensazioni fisiche 
  2. La seconda fase si concentra  sulle reazioni emotive al dolore 
  3. La terza fase consiste nell’imparare a vivere nel qui e ora e a gestire il dolore un attimo alla volta.

Prima fase: analizzare con attenzione le sensazioni fisiche


Significa concentrarsi sul dolore come farebbe uno scienziato curioso proveniente da Marte, che non conoscesse nulla del dolore fisico che prova il genere umano e volesse studiarlo … osservare dove inizia e dove finisce, che forma potrebbe avere, è sulla superficie del corpo o è all’interno? Dov’è più intensa, dove più lieve? Si muove o è ferma? È calda o fredda?

Non significa negare il dolore o fingere che non faccia male: significa riconoscerlo come qualcosa che in quel momento c’è.

Analizzare e prestare attenzione al dolore è sicuramente controintuitivo: di fronte al dolore cerchiamo, di solito, di ritirarci, di distrarci, di cercare di non sentirlo, di trattenerlo e di irrigidirci ancor più attorno ad esso.

Ma questo atteggiamento, del tutto naturale ed automatico, purtroppo, non funziona: può far aumentare il dolore fisico e  dar luogo a un circolo vizioso di reazioni che porta ad un aumento di rabbia, paura, tristezza e confusione. Come le contratture e gli irrigidimenti conseguenza di un mal di schiena: non fanno diminuire il dolore, ma lo aumentano.

L'esercizio chiamato Body Scan aiuta a distinguere le sensazioni fisiche da quelle mentali ed emotive e ad imparare a riconoscere le sensazioni del corpo in quanto semplici sensazioni fisiche.

La  consapevolezza apportata dalla mindfulness permette di scoprire dove stiamo trattenendo una tensione inutile, e aiuta anche ad allentare e forse a rilasciare la tensione in quelle zone corporee nelle quali non è presente alcun dolore.

Seconda fase: le reazioni emotive al dolore

Dalla nostra cultura riceviamo molti messaggi che ci incoraggiano a stringere i denti e a sopprimere, il dolore e altri sentimenti. La pratica della mindfulness permette di  lavorare sulle emozioni sgradevoli che a volte affiorano in presenza di dolore fisico, quali
  • rabbia (perché devo sentirmi così?),
  • tristezza (non mi passerà mai….),
  • ansia (ora fa come l’altro giorno e il dolore aumenta…durerà tutta la notte almeno…), 
  • paura (cosa mi sta succedendo?)
Come nel caso del dolore fisico, resistere e lottare contro le emozioni difficili spesso produce ulteriore dolore, mentre imparare a conviverci e a seguirne il flusso anziché combatterle,  può ridurre o cambiare il livello sofferenza che le accompagna.

E’ possibile sentire un forte impulso a lottare contro queste sensazioni e ad impegnarsi ad allontanarle. In tal caso, semplicemente, occorre  riconoscere questo impulso (riconoscere è come salutare una persona con un cenno del capo). E poi riportare l’attenzione sulla sensazione. Se cambia da sé, bene. Se non cambia, va bene ugualmente.

In questo modo si impara a vedere che esiste una differenza tra dolore fisico e sofferenza, tra dolore pulito e dolore sporco:
  • il dolore pulito è quella parte di dolore, fisico o no, che tocca a tutti noi e che fa parte della vita
  • il dolore sporco è quell’insieme di sensazioni negative che nascono in conseguenza della nostra non accettazione del dolore pulito.
Il dolore pulito è inevitabile, ma il dolore sporco dipende solo da noi e dal nostro atteggiamento.

Approfondimento: Essere felici: perché è così difficile?


La terza fase: imparare a vivere nel qui e ora e a gestire il dolore un attimo alla volta


«Il momento più importante è uno solo: adesso, ed è il più importante perché solo in esso abbiamo potere su noi stessi» (Lev Tolstoj)
La terza fase implica il vivere nel momento presente,  nel qui e ora. Quello è l'unico momento nel quale si possono effettuare cambiamenti.

Identificarsi con il dolore cronico porta e pensare ad esso come un problema a lungo termine o una condanna a vita, e questo atteggiamento porta fuori dal presente, nel futuro o nel passato,  facendo aumentare la  sofferenza.

Non sappiamo cosa può riservarci il futuro, e non sappiamo affatto quanto tempo durerà  il dolore. 

Mediante la pratica della mindfulness, si può imparare a convivere col dolore un momento alla volta, sviluppando un atteggiamento del tipo "stiamo a vedere se posso convivere col dolore in questo momento. Se il dolore si manifesta anche nel momento successivo, lo affronterò allora".

Questa è l’unica vita che abbiamo, quindi meglio cercare di trarne il massimo.

Approfondimento:


Maria e Fabrizio





Il programma mindfulness.








COMMENTI

BLOGGER
.

COACHING E COUNSELING: A COSA SERVONO?$hide=page

Counseling e Coaching non sono Psicoterapia: non servono per "curarsi", ma per imparare nuovi modi di relazionarsi con gli ostacoli che si incontrano. Aiutiamo le persone a:

  • formulare e raggiungere obiettivi
  • aumentare l'autostima e la fiducia in se stessi
  • gestire stress ed emozioni
  • superare conflitti interiori e prendere decisioni
  • gestire i conflitti interpersonali
  • aumentare il benessere personale
  • ritrovare un senso nella vita e nel lavoro
  • superare momenti difficili
  • migliorare le relazioni interpersonali
  • migliorare le performance professionali
  • aumentare la produttività
  • proseguire il percorso di evoluzione e crescita nella propria vita personale o professionale
Nome

ACT e Mindfulness,13,coaching e crescita professionale,25,counseling e crescita personale,30,eventi e news,26,PNL,25,PNL Apps,13,PNL Meta,16,problem solving e obiettivi,20,
ltr
item
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna : Come gestire il dolore fisico
Come gestire il dolore fisico
La pratica della mindfulness si è dimostrata efficace nel gestire i casi di dolore cronico.
https://4.bp.blogspot.com/-nKVj0znJGnQ/WRoCgNTMIMI/AAAAAAAATw8/Zv8k8xuQxvArYByNNfvKw5zMlxKOxHHcwCLcB/s1600/dolore.jpg
https://4.bp.blogspot.com/-nKVj0znJGnQ/WRoCgNTMIMI/AAAAAAAATw8/Zv8k8xuQxvArYByNNfvKw5zMlxKOxHHcwCLcB/s72-c/dolore.jpg
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna
http://www.pragmatica-mente.com/2017/05/come-gestire-il-dolore.html
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/2017/05/come-gestire-il-dolore.html
true
6354308452151375362
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts TUTTI I POST Leggi di più Rispondi Cancella la risposta Delete By Home PAGES POSTS Tutti i Post POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: ARGOMENTI ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Non trovato nessun post Torna alla Home Domenica Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic proprio ora 1 minuto fa $$1$$ minutes ago 1 ora fa $$1$$ hours ago Ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di 5 settimane fa Followers Follow THIS CONTENT IS PREMIUM Please share to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy