[COACHING E COUNSELING]_$type=grid$sn=0$rm=0$c=5$cat=0$sr=random$mt=0$show=home

[CORSI ED EVENTI: PNL META E PNL APPS]_$type=ticker$cat=0$show=home$cls=4$c=20$sr=recent

Lo stato interiore per raggiungere gli obiettivi

CONDIVIDI:

I metaprogrammi della PNL aiutano a trovare uno stato interiore favorevole all'utilizzo delle proprie risorse e al raggiungimento degli obiettivi.

obiettivi mancatiLe difficoltà nel raggiungimento degli obiettivi possono dipendere da molti fattori.

Può essere che l’obiettivo sia mal formulato, o forse è il nostro stato interiore che non ci permette di utilizzare tutte le nostre risorse.

In quale direzione è opportuno correggerlo?

Le nostre scelte e le nostre decisioni sono basate sulla nostra scala di valori. I valori sono quindi un elemento fondamentale, che indicano quello che è importante per noi, e quindi tutto ciò a cui diamo valore e ciò a cui non lo diamo.  Ma il nostro modo di relazionarci ai nostri valori è influenzato da quelli che in PNL vengono chiamati “metaprogrammi”.

Per fare un esempio, prendiamo in esame le preferenze che qualcuno potrebbe avere in campo automobilistico.
  1. Questo qualcuno potrebbe avere il sogno di possedere una Ferrari, per le sue prestazioni e per il fatto di essere uno status symbol. Queste motivazioni sono di tipo “verso”.
  2. Un altro potrebbe voler possedere una Smart, perché consuma poco e riduce i problemi di parcheggio. E queste sono motivazioni “via da”.
  • Nel primo caso, la persona che esprime in quel modo le sue preferenze è focalizzato su ciò che vuole: prestazioni eccezionali e impressionare gli altri.
  • Nel secondo caso, il fan della Smart è focalizzato su ciò che non vuole: non vuole spendere troppo in carburante e non vuole avere problemi nel parcheggiare la macchina. Spesso chi è focalizzato su ciò che non vuole non è nemmeno consapevole di ciò che desidera.
Naturalmente, non è che la Ferrari sia abbinata al metaprogramma verso e la Smart al metaprogramma via da: quello che conta è come sono espresse le motivazioni. La situazione potrebbe essere rovesciata:
  1. un altro estimatore della Ferrari potrebbe desiderarla per non sentirsi secondo a nessuno (via da)
  2. un altro estimatore della Smart potrebbe essere attratto dalla linea originale di quest’auto (verso)

Metaprogramma via da – verso


Due modi di motivarsi verso gli obiettivi
Due modi di motivarsi


Un esempio di “via da” è questa bellissima poesia di Eugenio Montale:

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.

Ah l'uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l'ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

Da questi esempi dovrebbe essere abbastanza chiara la differenza tra via da e verso, e anche alcune caratteristiche dei metaprogrammi, che:
  • Sono filtri interni che agiscono a livello del tutto inconscio. Mentre in genere siamo consapevoli dei nostri valori, non lo siamo dei nostri metaprogrammi, a meno che non conosciamo la PNL.
  • Sono privi di contenuto (nel caso di via da-verso: non è importante l’obiettivo di cui si parla, la Ferrari o la  Smart, ma il focus dell’attenzione, indipendentemente dal contenuto.
  • Sono alla base del nostro modo di scegliere, di motivarci, di decidere e di tanti nostri atteggiamenti.
  • Alcuni metaprogrammi sono transcontestuali (sono in azione sempre); altri vengono utilizzati solo in determinati contesti.
Non esistono statistiche ufficiali, ma dalla nostra esperienza ci sembra che un 50% di persone si motivi “verso”, un altro 50% si motivi “via da”.

I metaprogrammi non sono giusti o sbagliati. Se parliamo di raggiungimento degli obiettivi, però, il metaprogramma “verso” è più utile e più efficace. Come fare per compensare questo metaprogramma? Se fossimo focalizzati su ciò che non vogliamo, basta domandare a se stessi: “Ok, questo è ciò che non voglio. Cosa voglio, precisamente, al suo posto?”.

Quindi, ad esempio, l’obiettivo “non voglio essere disoccupato” non va bene: occorre formulare un obiettivo il più possibile specifico, che potrà anche essere modificato strada facendo, ma che deve focalizzare le energie in una direzione precisa.

Quando ci muoviamo via da ciò che non vogliamo,  le azioni che compiamo hanno a che fare più col non stare male che con lo stare bene.

Spesso è un modo di rimanere nella propria zona di confort, rifuggendo l'insicurezza. Ma non è che nella nostra zona di confort noi stiamo bene: ci sentiamo sicuri, che è tutta un'altra cosa. Possiamo anche starci male, ma è una situazione che conosciamo già e che siamo abituati a fronteggiare. E preferiamo questo a novità sconosciute. In pratica, rinunciamo alla vita.


Verso Via da
Queste persone si motivano verso qualcosa che procura una sensazione piacevole:  un progetto, una meta, un obiettivo…                    Queste persone si motivano allontanandosi da qualcosa che causa una sensazione spiacevole: un problema, una difficoltà, un disagio…

Nell'orientamento all'obiettivo occorre tenere presente anche altri metaprogrammi. In particolare il modo in cui le persone tengono conto o meno dei feedback e delle conseguenti decisioni. In questo caso il metaprogramma è "Riferimento interno o esterno".

Riferimento interno o esterno



Riferimento internoRiferimento esterno
Le persone che hanno un riferimento interno giudicano sulla base di “prove” che vengono da loro stessi. Queste persone “sanno dentro” se una decisione è giusta o sbagliata, se un lavoro è stato eseguito bene o male. Per le persone che hanno un riferimento esterno il punto di vista delle altre persone (pareri degli altri, articoli di giornale, libri) è la base di ogni loro giudizio.

Per raggiungere gli obiettivi occorre valutare attentamente i feedback che si ricevono via via.

Perciò è importante avere un riferimento interno, altrimenti rischiamo di essere una specie di banderuola.

D’altra parte, se il riferimento è totalmente interno si finisce per essere autoreferenziali, e non renderci conto di molte cose che gli altri vedono e noi no. Un approfondimento sul feedback si può trovare qui.

In questo metaprogramma, quindi, occorre posizionarsi in modo equilibrato, evitando le posizioni estreme.

Un altro metaprogramma rilevante ai fini del raggiungimento degli obiettivi riguarda la responsabilità, vale a dire la percezione che le persone hanno circa la possibilità di incidere e condizionare gli eventi ed il contesto esterno. In questo caso si tratta del metaprogramma "Attivo-Passivo"


Attivo – Passivo


Attivo Passivo
Le persone Attive ritengono di condizionare il contesto in cui vivono: ritengono di essere i responsabili di ciò che gli capita, gli artefici della propria vita Le persone Passive ritengono che le loro decisioni dipendano dal contesto: ritengono che la loro vita sia determinata da fattori esterni a loro stessi

In altre psicologie, questo metaprogramma è definito come Posizione (interna o esterna) del Locus of Control.

Naturalmente il metaprogramma attivo aiuta maggiormente a raggiungere i propri obiettivi e a realizzare i propri sogni. Occorre però guardarsi dall’eccesso opposto: pensare che tutto dipenda da noi è semplicemente sbagliato, è una visione di onnipotenza che può portare a gravi danni.

Bisogna esaminare l’obiettivo con attenzione per determinare quali componenti dipendono da noi e dalle nostre azioni, e quali no. Bisogna chiedersi, in ogni situazione: "Qual è la mia parte di responsabilità?"

Inoltre, non meno importante dei precedenti è il "metaprogramma Possibilità-Necessità" che riguarda il motivo per cui ci si pone l'obiettivo e si pianificazno le azioni. Lo si fa perchè "si vuole" e "si può" (nel senso che siamo confidenti di avere la capacità di penseguirlo), oppure perchè "qualcuno o qualcosa ce lo impone", e siamo obbligati.

Possibilità – Necessità


 Possibilità Necessità
Alcune persone, nel momento di prendere una decisione, si prefigurano tutte le opzioni a disposizione.
A muoverli non è tanto ciò che devono fare, quanto ciò che desiderano e possono fare.
Sono quindi alla ricerca di nuove opzioni ed esperienze. Fanno quello che desiderano fare, e hanno un motivo per fare ciò che desiderano.
Altri ritengono che ciò che fanno sia dettato da una necessità, di seguire una serie di scelte obbligate.
È raro che cerchino le ragioni di ciò che fanno, perché tendono a vedere prevalentemente doveri, regole, obblighi.
Non conta molto, per loro, ciò che vorrebbero (in genere non sono consapevoli del perché fanno una determinata cosa), ma ciò che ritengono di essere costretti a scegliere. Tendono perciò ad accontentarsi di quello che trovano.


L’eccellenza nel raggiungimento degli obiettivi prevede il fatto che gli operatori modali siano “messi in fila”:
  1. posso raggiungere l’obiettivo
  2. voglio raggiungere l’obiettivo
  3. e, infine, devo raggiungere l’obiettivo
E’ evidente che un obiettivo retto solo dal devo, dal senso del dovere, non è un obiettivo che appartiene veramente alla persona che se lo pone. Potrebbe essere l’obiettivo di un genitore che l’ha raccomandato tante volte al proprio/a figlio/a (ti devi laureare…. ti devi sposare….).

Comunque vada, nel migliore dei casi, il raggiungimento di quell'obiettivo non comporterà la soddisfazione nè promuoverà il benessere della persona, e a lungo andare potrebbe causare effetti negativi.

L’operatore modale devo non ha, comunque, una valenza sempre negativa. Può essere negativo fondare il raggiungimento di un obiettivo solo su di esso, ma dopo il posso e il voglio, il devo è utile per fornire la giusta quantità di autodisciplina, che è indispensabile almeno per alcune categorie di obiettivi. Su questo argomento, trovate qui un approfondimento.

Per decidere di perseguire un obiettivo, e per mettere in atto le azioni per raggiungerlo, il metaprogramma Possibilità è molto più efficace e offre molte più possibilità. Inoltre permette di rispondere con maggiore flessibilità ai feedback che si ricevono.

Quando prendiamo una decisione possiamo usare la nostra creatività per prefigurare altre due o tre opzioni alternative, non tanto per tenerle di riserva, ma soprattutto per non convincerci di percorrere una strada obbligata.


Lo stato interiore che permette di accedere alle proprie risorse


Quindi, riassumendo, quando ci poniamo un obiettivo riflettiamo sui nostri "metaprogrammi" e ricordiamoci che per accedere alle nostre risorse lo stato interiore più efficace è caraterizzato da:
  • il metaprogramma verso
  • il metaprogramma possibilità
  • un equilibrio tra riferimento interno ed esterno
  • il metaprogramma attivo, guardandosi dagli eccessi.
Compensare in questo modo i propri metaprogrammi crea un orientamento favolevole al raggiungimento dei propri obiettivi.

Maria Soldati & Fabrizio Pieroni

COMMENTI

BLOGGER
.

COACHING E COUNSELING: A COSA SERVONO?$hide=page

Counseling e Coaching non sono Psicoterapia: non servono per "curarsi", ma per imparare nuovi modi di relazionarsi con gli ostacoli che si incontrano. Aiutiamo le persone a:

  • formulare e raggiungere obiettivi
  • aumentare l'autostima e la fiducia in se stessi
  • gestire stress ed emozioni
  • superare conflitti interiori e prendere decisioni
  • gestire i conflitti interpersonali
  • aumentare il benessere personale
  • ritrovare un senso nella vita e nel lavoro
  • superare momenti difficili
  • migliorare le relazioni interpersonali
  • migliorare le performance professionali
  • aumentare la produttività
  • proseguire il percorso di evoluzione e crescita nella propria vita personale o professionale
Nome

ACT e Mindfulness,13,coaching e crescita professionale,26,counseling e crescita personale,31,eventi e news,26,PNL,25,PNL Apps,13,PNL Meta,16,problem solving e obiettivi,20,
ltr
item
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna : Lo stato interiore per raggiungere gli obiettivi
Lo stato interiore per raggiungere gli obiettivi
I metaprogrammi della PNL aiutano a trovare uno stato interiore favorevole all'utilizzo delle proprie risorse e al raggiungimento degli obiettivi.
https://lh3.googleusercontent.com/-U3WjUose6Os/WbQEQ4zWivI/AAAAAAAAVIo/aOyL7L6m9PszUkq_ZjToVd249u80qizqgCHMYCw/obiettivi%2Bmancati_thumb%255B2%255D?imgmax=800
https://lh3.googleusercontent.com/-U3WjUose6Os/WbQEQ4zWivI/AAAAAAAAVIo/aOyL7L6m9PszUkq_ZjToVd249u80qizqgCHMYCw/s72-c/obiettivi%2Bmancati_thumb%255B2%255D?imgmax=800
Pragmatica-Mente: coaching e counseling a Bologna
http://www.pragmatica-mente.com/2017/09/stato-interiore-per-raggiungere-gli-obiettivi.html
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/
http://www.pragmatica-mente.com/2017/09/stato-interiore-per-raggiungere-gli-obiettivi.html
true
6354308452151375362
UTF-8
Loaded All Posts Not found any posts TUTTI I POST Leggi di più Rispondi Cancella la risposta Delete By Home PAGES POSTS Tutti i Post POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: ARGOMENTI ARCHIVE SEARCH ALL POSTS Non trovato nessun post Torna alla Home Domenica Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic proprio ora 1 minuto fa $$1$$ minutes ago 1 ora fa $$1$$ hours ago Ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di 5 settimane fa Followers Follow THIS CONTENT IS PREMIUM Please share to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy